Archivio per aprile, 2008

Ti sei accorto che la cosiddetta sinistra, stava facendo un attimo da segnaposto al cavaliere in attesa del suo ritorno trionfale?
Ti sei accorto che quando Silvio ci ha chiamati tutti “coglioni” aveva ragioni da vendere?
Quante righe di programma sono state applicate?
E che fine hanno fatto quelli che pretendevano il rispetto del programma?
Questa era la nostra gente, gente che ha tradito le nostre aspettative.
E non ne salvo nessuno, nemmeno la sx cosiddetta “radicale, che ha lasciato Mastella & co. libero di fare le sue scorribande, fino alla piena sazietà, tant’è che alla fine si è pure dimesso suicidandosi politicamente.
Vuoi che ti ricordo l’Indulto?
Vuoi che ti ricordo D’Alema dichiarare Mediaset patrimonio Nazionale, pulendosi il c…o con il cosiddetto programma che siamo andati a votare pagando un Euro, fottendosene del suo elettorato che sono 15 anni che gli chiede di regolamentare il sistema Radiotelevisivo Italiano
E’ questo il Darwinismo di cui parla Berlusconi, D’Alema è flessibile e per questo è ancora lì a darci l’illusione che faccia la volontà del suo elettorato, ma appena eletto, ogni volta, si affretta a chiarire che non potrà mai fare quello che è riportato nel programma, per il quale è stato votato.

Ed in Italia è Berlusconi che decide da 15 anni, (tenendo in ostaggio la nostra democrazia), chi si siede in parlamento e chi no.

E’ il padrone assoluto delle nostre vite, controlla i nostri desideri e le nostre passioni, può decidere cosa farci amare o odiare, può controllare i nostri impulsi, ed ho l’amara sensazione che in questi quindici anni ci ha sempre presentato la “sua sinistra.

Altrimenti non si spiega come, quella sinistra, ogni volta che si è presentata l’occasione, non abbia mai agito per raggiungere gli scopi prefissati nei programmi elettorali per i quali è stata votata.
E volendo approfondire l’analisi, quelli che chiedevano, flebilmente, l’applicazione del programma, sono stati emarginati ed etichettati come “sinistra radicale” nel migliore dei casi, o “sinistra estrema”.
Così Veltroni, la Finocchiaro, D’Alema e Co., hanno dovuto sbarazzarsi dell’anima critica del loro schieramento, perchè non allineati come “yesman” del cavaliere.
Così, ci hanno fatto vedere come si mette una pietra tombale sull’istanza di “normalizzazione” che veniva dal loro elettorato.

Quando parlo di oggi come “giorno zero”, parlo di una lenta e minuziosa ricostruzione di un paese devastato dall’ingordigia di Berlusconi e dei suoi compari (che non sono solo nel PDL), che in pieno accordo e con l’aiuto di un informazione da terzo mondo, continuano ad ignorare i principi fondanti delle vere Democrazie.
Da qualche parte ho sentito dire che siamo passati alla terza Repubblica, io dico invece che non siamo mai passati alla seconda, e comunque la seconda finirà solo con “l’abbandono del campo” di un soggetto che detiene il potere con un manipolo di “pupazzi” usando il monopolio assoluto della comunicazione.
Roba da Paesi sottosviluppati.

la batosta ci voleva e ci ricompatterà….

Annunci